«Abbiamo fatto germinare le nostre idee per imparare a sopravvivere in mezzo a tanta fame, per difenderci da tanto scandalo e dagli attacchi, per organizzarci in mezzo a tanta confusione, per rincuorarci nonostante la profonda tristezza.
E per sognare oltre tanta disperazione.»


Da un calendario inca degli inizi della Conquista dell'America.
  • slide01.jpg
  • slide02.jpg
  • slide03.jpg
  • slide04.jpg
  • slide05.jpg

Il Giornale di Vicenza, 21 Febbraio 2007

Sul 4° corso di formazione glocal.

Identità, radici, diversità, valori. Iniziativa di Ans-XXI onlus
«La Vicenza di oggi e domani» al corso “glocal” per insegnanti

Inizierà il 2 marzo con l’analisi del sociologo Soli di “Poster”

di Anna Madron.

Si chiama “glocal” ed è l’unione di “globale” più “locale”, parole che abbreviate definiscono le ricadute della globalizzazione nel vissuto quotidiano di ognuno di noi.
Ed è proprio su questo spaccato sociale che si accendono i riflettori del seminario di formazione organizzato dall’associazione “Nord/Sud per il XXI secolo”, intitolato “Identità, radici. Diversità, valori”.
Il corso, che rientra nel progetto cofinanziato dalla Regione “Formare cittadine e cittadini del mondo”, si svolge in collaborazione con la cooperativa Unicomondo del commercio equo e solidale, la rivista Esodo, l’ong “Fratelli dell’Uomo”, si avvale inoltre del patrocinio del ministero dell’Istruzione (Direzione del Veneto), Ufficio scolastico provinciale e Centro territoriale dei servizi scolastici di Vicenza.
«Con questa proposta di formazione, giunta alla quarta edizione - spiega il responsabile Marco Cantarelli - cerchiamo di promuovere un metodo di riflessione sulla realtà: un esercizio di memoria alla riscoperta delle nostre radici, accanto all’analisi dell’attualità e alla previsione del futuro».
Il corso è aperto a tutti, in particolare a chi fa formazione, a cominciare dagli insegnanti che potranno tra l’altro beneficiare del contributo del Ctss e contare così su una riduzione del 50% sul costo complessivo del seminario, pari a 150 euro. Ma è anche possibile partecipare a cicli brevi o a singoli incontri previa iscrizione, mentre l’adesione sarà gratuita per gli immigrati ai quali verrà richiesto il solo costo di iscrizione (5 euro).
Si comincia il 2 marzo nella sede dei missionari Saveriani, in viale Trento, dove si svolgeranno tutti gli appuntamenti in programma con cadenza mensile fino a dicembre 2007 e con orario dalle 18.15 alle 22.45, ad eccezione del primo del 2 marzo che sarà anticipato alle 17.45 per motivi organizzativi.
Ed è proprio nella prima tappa di questo lungo percorso nei meandri della globalizzazione che si parlerà anche del futuro della nostra città. “La Vicenza di oggi e quella di domani” è infatti il titolo del primo appuntamento che vedrà relatore Vladimiro Soli, sociologo dell’istituto Poster al quale subentreranno, nella seconda parte della serata, Flavio Zanonato e Claudia Munaro del Canzoniere Vicentino, che ripercorreranno le narrazioni e i canti della Vicenza di ieri.
Si riprenderà poi il 23 marzo con Stefano Allievi, docente di sociologia, comunicazione e interculturalità all’Università di Padova e con Shahrzad Houshmand, teologa iraniana, musulmana, studiosa di intercultura e diritti umani.


Per leggere l'articolo in formato JPG, premere qui.

 

STATISTICHE

Oggi122
Ieri241
Questa settimana818
Questo mese4303
Totale7015418

Ci sono 43 utenti e 0 abbonati online

INGRESSO UTENTI

Se non hai le credenziali per accedere all'area riservata del sito, puoi richiederle tramite il modulo che trovi qui. Se le hai dimenticate, clicca sotto alla domanda corrispondente.

VERSAMENTI E DONAZIONI

Bastano pochi clicks, in totale sicurezza!

Importo: