«Abbiamo fatto germinare le nostre idee per imparare a sopravvivere in mezzo a tanta fame, per difenderci da tanto scandalo e dagli attacchi, per organizzarci in mezzo a tanta confusione, per rincuorarci nonostante la profonda tristezza.
E per sognare oltre tanta disperazione.»


Da un calendario inca degli inizi della Conquista dell'America.
  • slide01.jpg
  • slide02.jpg
  • slide03.jpg
  • slide04.jpg
  • slide05.jpg

NICARAGUA / Dopo Mitch, ora arriva un uragano istituzionale e politico

Il “patto” Alemán-Ortega attenta contro tutti i presupposti sociopolitici e istituzionali che la trasformazione del Nicaragua, su cui ha nuovamente scommesso la comunità internazionale.

A cura di envío-Nitlapán. Traduzione e redazione di Marco Cantarelli.

NICARAGUA / Impatto e implicazioni

L’impatto dell’uragano Mitch in Nicaragua e le sue implicazioni per le ONG e le organizzazioni sociali impegnate  nello sviluppo di una società sostenibileA cura del’Istituto Nitlapán.

Ha collaborato alla traduzione Caterina Pizzigoni. Redazione di Marco Cantarelli
.

NICARAGUA / Le reali dimensioni del disastro

Una revisione critica delle valutazioni degli effetti dell’uragano Mitch, accompagnata da una valutazione indipendente dell’impatto sul settore rurale.

A cura dell’Istituto Nitlapán. Ha collaborato alla traduzione Caterina Pizzigoni. Redazione di Marco Cantarelli.

NICARAGUA / Le reazioni istituzionali, politiche e sociali

Ovvero, di come i vari organi dello Stato si siano dimostrati, a dir poco, impreparati e incapaci di far fronte alla situazione prima che  essa assumesse proporzioni tragiche.

A cura dell’Istituto Nitlapán. Ha collaborato alla traduzione Caterina Pizzigoni. Redazione di Marco Cantarelli.

NICARAGUA / Opportunità e limiti per lo sviluppo rurale

Per combattere davvero la povertà c’è bisogno di maggiore giustizia sociale e più rispetto per la natura: perché la ripresa dell’economia agricola sia sostenuta e sostenibile.

A cura dell’Istituto Nitlapán. Ha collaborato alla traduzione Caterina Pizzigoni. Redazione di Marco Cantarelli.

NICARAGUA / Notiziario

Di Marco Cantarelli, su note di Roberto Valdés.

SCHEDA / Il vertice di Stockholm e gli altri Paesi centroamericani

Dal 25 al 28 maggio scorsi, nella capitale svedese Stockholm si è svolta la seconda riunione dedicata all’esame dei piani di Ricostruzione e Trasformazione del Centroamerica, post-Mitch, alla presenza di rappresentanti dei paesi centroamericani e del cosiddetto Gruppo Consultivo, creato dai governi tedesco, statunitense, danese, spagnolo, francese, britannico, svedese, giapponese e italiano. Come il primo incontro di Washington nel dicembre 1998, anche questa seconda riunione aveva l’obiettivo di precisare l’ammontare degli aiuti, stabilendo le modalità di cooperazione e i meccanismi di controllo per consentire ai paesi colpiti di affrontare con efficacia l’emergenza causata dall’uragano. La riunione era patrocinata dal governo svedese e dal Banco Interamericano de Desarrollo (BID), il cui direttore Enrique Iglesias, ha presieduto l’incontro. Per il Centroamerica, erano presenti i presidenti Arnoldo Alemán (Nicaragua) e Carlos Flores (Honduras), e i vicepresidenti Luis Flores Asturias (Guatemala), Enrique Borgo (El Salvador) e Astrid Fischel (Costa Rica). Erano presenti, inoltre, il segretario generale dell’ONU Kofi Annan e il commissario europeo per l’America Latina Manuel Marín. In tutto, circa 400 delegati dei vari paesi e organismi donatori, governativi e non.

a cura di Marco Cantarelli.

STATISTICHE

Oggi6
Ieri217
Questa settimana1217
Questo mese3842
Totale7039356

Ci sono 54 utenti e 0 abbonati online

INGRESSO UTENTI

Se non hai le credenziali per accedere all'area riservata del sito, puoi richiederle tramite il modulo che trovi qui. Se le hai dimenticate, clicca sotto alla domanda corrispondente.

VERSAMENTI E DONAZIONI

Bastano pochi clicks, in totale sicurezza!

Importo: