«Abbiamo fatto germinare le nostre idee per imparare a sopravvivere in mezzo a tanta fame, per difenderci da tanto scandalo e dagli attacchi, per organizzarci in mezzo a tanta confusione, per rincuorarci nonostante la profonda tristezza.
E per sognare oltre tanta disperazione.»


Da un calendario inca degli inizi della Conquista dell'America.
  • slide01.jpg
  • slide02.jpg
  • slide03.jpg
  • slide04.jpg
  • slide05.jpg

CENTROAMÉRICA / 11 Settembre

A seguito degli attentati negli Stati Uniti, i presidenti di Costa Rica, Guatemala, El Salvador, Nicaragua, Honduras e Belize si sono riuniti il 19 settembre scorso, nell’istituto Zamorano in Honduras, e hanno emesso la Dichiarazione in otto punti intitolata “Centroamerica unita contro il terrorismo”, che non ha mancato di suscitare polemiche in alcuni suoi passaggi. I paesi centroamericani si impegnano a migliorare e facilitare lo scambio di informazioni riguardanti il terrorismo fra gli stessi e con gli Stati Uniti.

Di Marco Cantarelli.

Quindi, si propongono di rafforzare la sicurezza alle frontiere, nei porti e negli aeroporti della regione. In tal senso, sarà prodotto il massimo sforzo per controllare e vigilare i flussi migratori verso il Centroamerica. Inoltre, i presidenti proclamano di voler «coordinare le azioni perché il terrorismo centroamericano non sia utilizzato da gruppi terroristici di qualsiasi origine o ideologia»: ed è questo uno dei punti politicamente più discutibili, in quanto il riferimento al “terrorismo centroamericano” lascia trasparire intenzioni polemiche domestiche delle destre al governo in Centroamerica – i cui curricula in materia di rispetto dei diritti umani lasciano alquanto a desiderare –, contro quelle formazioni politiche oggi di opposizione, civile e pacifica, nate da esperienze guerrigliere negli ultimi anni. Saranno poi rafforzate le legislazioni penali, al fine di stabilire chiaramente i reati associativi, per congelare e confiscare le risorse finanziarie di tali gruppi e persone che vi aderiscono, per regolamentare l’estradizione immediata di terroristi agli Stati che la richiedessero. Infine, i presidenti centroamericani proclamano la piena vigenza degli strumenti legali in materia, citando vari accordi regionali e internazionali siglati fra il 1963 e il 1979.

STATISTICHE

Oggi173
Ieri217
Questa settimana878
Questo mese6282
Totale7321636

Ci sono 71 utenti e 0 abbonati online

VERSAMENTI E DONAZIONI

Bastano pochi clicks, in totale sicurezza!

Importo: